martedì 7 giugno 2011

L'hotel che si trasforma in arca


Per diecimila persone e tutta verde.

'Ispirato' dal riscaldamento globale e dal conseguente aumento del livello dei mari, l'architetto russo Alexander Remizov ha progettato un hotel totalmente ecosostenibile e, volendo, in grado di galleggiare. Si chiama 'Ark' ed è stato ideato dall'architetto in collaborazione con un'azienda di ingegneria tedesca e con lo scienziato moscovita Lev Britvin. La struttura, ideata per essere completamente autosufficiente grazie ad un sistema di generatori a energia eolica e solare, è stata pensata per raggiungere una dimensione di 14mila metri quadrati e ospitare fino a 10 mila persone. "Potrebbe essere costruita in soli 3 o 4 mesi, in qualsiasi parte del mondo", ha dichiarato l'architetto che si è laureato a Mosca nel 1983 e ha aperto il suo primo studio nel '91.

"Ark non è un progetto statico e immobile" spiega Remizov, "è uno schema che può essere adattato e modificato per forma, dimensioni e tecnologia".

Il progetto Ark è nato dalla collaborazione di Remizov con un team di ingegneri tedeschi e con lo scienziato russo Lev Britvin. L'infrastruttura di archi di legno e cavi d'acciaio è ricoperta da fogli di Etil TetraFluoroEtilene o EFTE, un materiale sintetico trasparente, autopulente, riciclabile e più leggero del vetro. L'EFTE è fissato allo scheletro con speciali profili metallici che servono anche come collettori solari per il riscaldamento dell'acqua e come grondaie per la raccolta della pioggia che scorre sulla grande cupola.

Il tunnel centrale, che attraversa verticalmente la cupola, ospita tutti i sistemi di comunicazione e sostentamento dell'Arca (vedi spaccato nell'ultima foto della gallery).

Secondo Remizov questa struttura, realizzata con moduli prefabbricati, può essere trasportata in tutto il mondo e montata con soli 3-4 mesi di lavoro. A seconda delle dimensioni dei moduli può ospitare da 12 a 10.000 persone.


Ark non è solo un modulo abitativo ma anche un grande generatore di energia che sfrutta tre diverse fonti rinnovabili: il vento, il Sole e il calore della Terra. La particolare forma della cupola favorisce la formazione di vortici di aria sulla superficie esterna e attorno al tunnel centrale dove sono posizionati dei generatori eolici e dei generatori di tornado. Inoltre, la curvatura del tetto fa si che l'aria calda si raccolga nella parte superiore della struttura dove il calore viene raccolto in speciali accumualtori e utilizzato per produrre energia elettrica.

La superficie dell'edificio ospita dei pannelli fotovoltaici, che grazie alla forma semisferica della struttura sono inclinati in modo da offrire sempre il massimo rendimento.

L'Arca infine è dotata di impianti geotermici che generano energia estraendo calore dal sottosuolo o dall'acqua del mare.

Questo mix verde consente alla struttura non solo di essere autosufficiente, ma addirittura di poter fornire corrente elettrica ad altri edifici. "L'efficienza energetica di Ark è strettamente legata alle sue dimensioni" afferma Remizov, "più è grande la sua struttura, maggiore è il suo rendimento".

L'Arca può essere costruita praticamente ovunque, anche in zone ad elevato rischio sismico. La struttura a conchiglia senza spigoli o elementi sporgenti è particolarmente resistente agli stress e la struttura di archi e cavi d'acciaio permette di distribuire l'energia di un eventuale terremoto sull'intera costruzione.


Come ogni arca che si rispetti anche quella di Remizov è in grado di galleggiare e sopravvivere autonomamente in balia delle acque. Anche le più agitate.

"Come ogni edificio anche Ark può resistere a tifoni e intemperie, a patto di scegliere opportunamente forme e materiali. E non sbagliare i calcoli" ci spiega Remizov".

Può essere equipaggiata con motori verdi che ne garantiscano la stabilità ma anche con veri e propri sistemi di propulsione.

E all'interno dell'Arca non mancano nè il verde nè i comfort. Le piante, oltre che garantire un adeguato apporto di ossigeno agli occupanti dell'edificio, contribuiscono a creare un ambiente accogliente e gradevole.

Le ampie balconate offrono agli occupanti dell'Arca spazi comuni dove passeggiare e svolgere attività ricreative. La struttura è molto flessibile e può facilmente essere adattata agli utilizzi più diversi, per esempio come hotel, come abitazione e come palazzo per uffici.

Il tunnel centrale è il cuore dell'arca: attraverso questo condotto passano l'aria e i sistemi per riscaldare o raffreddare l'enorme città; non male come progetto per l'inizio di una nuova microsocieta' avanzata ed ecosostenibile, non pensate!?

Fonte: http://www.2012annodiluce.com

Nessun commento:

Posta un commento

=============================================================

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UN BLOG ALLA SCOPERTA DELLE PROPRIE IDEE

"La verità non è il bene assoluto, ma ciò che noi, in coscienza, nel corso di una nostra personale ricerca, e a seconda del livello di evoluzione e consapevolezza raggiunti, di volta in volta preferiamo ed eleggiamo come tale".


Follow us on FB!

Havana time

Rome time

Tourism in Cuba (video)

Related videos

Loading...

POST PIU' POPOLARI

SLIDESHOW

GET LOGO OF CUBA-ITALIA BLOG

Aggiungi il widget di Cuba-Italia blog al tuo sito. COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE CODICE e aggiungilo come gadget HTML/JAVA SCRIPT (piattaforma Blogger):

<a href="http://cuba-italia.blogspot.com">
<img src="http://i1006.photobucket.com/albums/af182/giorgi-one/
LOGO_blog_7_little_crop.jpg" alt="Logo Cuba-Italia blog"
border="0" /></a>

Ed ecco come apparirà il logo sul tuo sito o blog:

Logo Cuba-Italia blog

Se hai un sito o un blog e sei interessato allo scambio link, scrivimi una EMAIL con il codice del tuo banner.

Recent Posts