martedì 5 ottobre 2010

Gli USA e la Cina

Gli Stati Uniti, non potendo contrastare l'emergente predominio economico-commerciale cinese, e per non tradire la loro stessa natura di patria del capitalismo liberale, non trovano altro da fare che contestare la Cina sul piano della politica monetaria. In verità, l'emergente supremazia economica cinese sta mettendo in profonda crisi il modello americano di capitalismo, e la filosofia che lo sorregge. E' una lotta ad armi pari, sul piano economico, tra USA e Cina che, di fatto, sta portando alla luce l'illegittimità dell'intero arsenale. Gli americani non possono appoggiare e giustificare la libera circolazione delle merci e la competizione sui mercati solo quando fa loro comodo, dovrebbero accettare le dure leggi del capitalismo anche quando sono loro a subirne le conseguenze negative. Altrimenti che lo dicano chiaramente che il loro capitalismo ha fallito e che modifichino ufficialmente il loro modello di società.

---------------------------------------------------------------------------------------
PARLANDO DI CINA
di Paul Krugman
Pubblicato il 30 settembre 2010

(Traduzione dall'inglese di Giorgio Santi)


Varie persone serie sono state sconvolte dalla votazione di mercoledì scorso alla Camera dei Rappresentanti, dove una vasta maggioranza bipartisan ha approvato una legge, sponsorizzata dal rappresentante Sander Levin, che aprirebbe potenzialmente la strada per le sanzioni contro la Cina per la sua politica monetaria. E ' un dato di merito, il disegno di legge è stato molto mite. Tuttavia, ci sono stati avvertimenti di guerra commerciale e perturbazioni economiche globali. Meglio, ha detto un parere rispettabile, perseguire una tranquilla diplomazia.


Ma queste persone serie, che hanno sbagliato tante cose da quando è cominciata la crisi - ricordate come i deficit di bilancio stavano per portare a tassi di interesse alle stelle e all'impennata dell'inflazione? - si sono sbagliati anche su questo tema. La diplomazia perseguita riguardo la valuta cinese non ha portato da nessuna parte, e continuerà a non portare da nessuna parte se non sostenuta dalla minaccia di ritorsioni. Il clamore sulla guerra commerciale è ingiustificato - e, comunque, ci sono cose peggiori dei conflitti commerciali. In un periodo di disoccupazione di massa, aggravata dalla politica monetaria predatoria della Cina, la possibilità di nuove tariffe deve essere fino in fondo nella nostra lista di preoccupazioni.


Facciamo un passo indietro e diamo un'occhiata allo stato attuale del mondo.


Le maggiori economie avanzate sono ancora sotto gli effetti della bolla immobiliare scoppiata e della crisi finanziaria che ne è seguita. La spesa dei consumatori si è depressa e l'espansione delle imprese è inutile se non vendono abbastanza per usare la capacità che hanno. La recessione può essere ufficialmente conclusa, ma la disoccupazione è molto alta e non mostra alcun segno di tornare a livelli normali.


La situazione è ben diversa, tuttavia, nelle economie emergenti. Queste economie hanno resistito alla tempesta economica, stanno combattendo l'inflazione piuttosto che la deflazione, e offrono abbondanti opportunità di investimento. Naturalmente, il capitale dalle nazioni ricche, seppur depresse, scorre nella loro direzione. E le nazioni emergenti potrebbero e dovrebbero svolgere un ruolo importante per aiutare l'economia mondiale nel suo difficile compito di uscire dalla crisi.


Ma la Cina, la più grande di queste economie emergenti, non permette che questo processo naturale si sviluppi. Le restrizioni agli investimenti stranieri limitano il flusso di fondi privati in Cina. Nel frattempo, il governo cinese sta mantenendo il valore della sua moneta, il renminbi, artificialmente basso, con l'acquisto di enormi quantità di valuta estera, di fatto sovvenzionando le proprie esportazioni. E queste esportazioni sovvenzionate stanno danneggiando l'occupazione nel resto del mondo.


I funzionari cinesi difendono questa politica con argomenti poco plausibili e selvaggiamente incoerenti.


Negano che stiano volutamente manipolando il tasso di cambio; suppongo che la fatina dei denti abbia acquistato 2.400 miliardi di dollari in valuta estera e li abbia messi sotto i loro cuscini mentre stavano dormendo. In ogni caso, dicono eminenti figure cinesi, ciò non importa, il renminbi non ha nulla a che fare col surplus commerciale della Cina. Eppure solo questa settimana il premier cinese singhiozzava di fronte alla prospettiva di una moneta più forte, dichiarando: "Noi non possiamo immaginare come molte fabbriche cinesi andranno in bancarotta, un gran numero di lavoratori cinesi perderanno il lavoro." Beh, o la questione del valore del renminbi è importante o non lo è - non possono avere entrambe le cose.


Nel frattempo, riguardo la diplomazia: il governo cinese non ha mostrato alcun accenno di disponibilità e sembra uscire dalla sua consueta modalità di ostentare disprezzo per i negoziatori statunitensi. Nel mese di giugno, i cinesi, di fatto sembravano aver accettato di permettere alla loro valuta di muoversi verso un tasso di mercato determinato - che, se l'esempio di economie come il Brasile danno qualche alcuna indicazione, avrebbe comportato un netto aumento del valore del renminbi. Ma, appena giovedì, la moneta cinese era salita circa solo il 2 per cento contro il dollaro - con la maggior parte di tale aumento svoltosi proprio nelle ultime settimane, chiaramente in vista della votazione sul disegno di legge Levin.


Allora, quale sarà la sorte del disegno di legge? Esso autorizza funzionari degli Stati Uniti ad imporre dazi contro le esportazioni cinesi sovvenzionate da un renminbi artificialmente basso, ma non richiede a questi funzionari di intervenire. E a giudicare dalle esperienze passate, i funzionari degli Stati Uniti, presumibilmente, non agiranno - continueranno a cercare scuse, a vantare progressi diplomatici immaginari, e, in generale, a confermare la convinzione della Cina che costoro siano delle tigri di carta.


Il progetto di legge Levin è, quindi, un segnale al meglio - ed è almeno quanto un colpo scoccato dall'arco dei funzionari statunitensi, in quanto è un segnale per i cinesi. Ma principalmente è un passo nella giusta direzione.


Per la verità i politici statunitensi sono stati incredibilmente, esasperatamente passivi di fronte al cattivo comportamento della Cina - soprattutto perché trattare con la Cina è una delle poche opzioni di politica, a disposizione dell'amministrazione Obama, per affrontare la disoccupazione, dato l'ostruzionismo repubblicano su tutto il resto. Il disegno di legge Levin probabilmente non cambierà quella passività. Ma potrà, almeno, iniziare ad accendere un fuoco sotto le sedie dei decisori politici, avvicinando così il giorno in cui, finalmente, saranno pronti ad agire.


Fonte: krugman.blogs.nytimes.com

Nessun commento:

Posta un commento

=============================================================

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UN BLOG ALLA SCOPERTA DELLE PROPRIE IDEE

"La verità non è il bene assoluto, ma ciò che noi, in coscienza, nel corso di una nostra personale ricerca, e a seconda del livello di evoluzione e consapevolezza raggiunti, di volta in volta preferiamo ed eleggiamo come tale".


Follow us on FB!

Havana time

Rome time

Tourism in Cuba (video)

Related videos

Loading...

POST PIU' POPOLARI

SLIDESHOW

GET LOGO OF CUBA-ITALIA BLOG

Aggiungi il widget di Cuba-Italia blog al tuo sito. COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE CODICE e aggiungilo come gadget HTML/JAVA SCRIPT (piattaforma Blogger):

<a href="http://cuba-italia.blogspot.com">
<img src="http://i1006.photobucket.com/albums/af182/giorgi-one/
LOGO_blog_7_little_crop.jpg" alt="Logo Cuba-Italia blog"
border="0" /></a>

Ed ecco come apparirà il logo sul tuo sito o blog:

Logo Cuba-Italia blog

Se hai un sito o un blog e sei interessato allo scambio link, scrivimi una EMAIL con il codice del tuo banner.

Recent Posts